Designed by Veethemes.com | Distributed By Blogger Templates

Behind an outfit

L'idea di questo post mi è venuta mentre ero sul treno di ritorno da Brescia grazie ad un incontro fortuito. Mi ero seduta di fronte ad un signore sulla cinquantina, che dopo avermi aiutato a sistemare lo zaino nel vano portaoggetti aveva iniziato a chiedermi dove stessi andando e cosa facessi nella vita. Avevo raccontato della mia piccola gita nel Nord Italia a trovare due amiche e del mio attuale percorso di studi ed in qualche modo lo avevo incuriosito. Sicché a quel punto il signore aveva iniziato a domandarmi che dipinto fosse quello raffigurato sulla mia borsa (indossavo una borsa raffigurante il Bacio di Klimt), cosa volessero dire le mie collane (indossavo le stesse collane che vedete nelle foto qui sotto), che significato aveva per me il libro che stavo leggendo (Siddharta), perché avessi scelto di studiare proprio il Cinese...
Dopo una mezz'ora di chiacchiere mi aveva detto: "diciamo che dentro di te coesistono tante cose".
E non poteva dirmi cosa più bella. E' vero: dentro di me coesistono tante cose, tanti interessi, tante storie diverse, e a me piace raccontarle attraverso il mio modo di vestire. 
Mi cibo di significati, mi vesto di significati, mi circondo di significati. E' il mio modo di darmi un senso. Per spiegarlo in modo un po' più superficiale: per me un "outfit" è "riuscito" e mi fa sentire bene quando sento che trasmette qualcosa di ciò che sono, quando racchiude in sè delle storie, delle pillole di vita. 

Oggi voglio postarvi qualche scatto di un "outfit" che sento mio, e di raccontarvi cosa c'è dietro.
Perché diciamo che mi sento più storyteller che fashion blogger e do molta importanza anche ai dettagli più piccoli.  












Questo corpetto mi è stato regalato da mia mamma al mio compleanno ormai tre anni fa, me lo aveva fatto trovare come sorpresa una volta rientrata a casa dopo scuola. Lo trovo veramente bellissimo non fosse che mi sento veramente nuda ad usarlo come top per cui non so quante volte mi ci vedrete in giro. :P
La gonna bordeaux è di Brandy & Melville ma io l'ho comprata su Depop l'estate scorsa da una ragazza di nome Martina, che me la aveva spedita un giovedì di ritorno da un esame all'università, e così pure il cardigan è di Zara ma l'ho preso su Depop da una ragazza di nome Veronica.
I sandali sono di Pull & Bear, ma anche questi li ho scambiati grazie a Depop con una ragazza di nome Teresa che ora indossa le mie espadrillas a fiorellini.

L'orologio che indosso era di mia nonna, lo indosso da gennaio 2013 e fa sì che io misuri il tempo senza di lei avendo però una parte di lei sempre con me. Ho da poco cambiato il cinturino per paura di rompere l'originale che ormai sfiorava la decina d'anni; questo nuovo sostituto viene dal mercatino delle pulci di Bruxelles, comprato per un euro tondo tondo ed assomiglia tantissimo al precedente.

Il braccialetto con scritto "alma" (anima, in spagnolo e portoghese significa anche "avere molto cuore, essere pieni di passione) è un ricordo del mio viaggio a Firenze insieme alla mia amica Alice. Ci è stato fatto a mano da un signore cinese che si era innamorato del mio orologio, lo stesso di cui vi ho appena parlato. Mi aveva tenuto dieci minuti a raccontargli come e dove lo avessi preso, da quanto tempo lo portassi eccetera eccetera. Per la serie: rimorchia più il mio orologio di me.

Il braccialetto con i fiori secchi e la resina viene da un banchetto di creazioni artigianali del bellissimo Mercatino di Natale dello scorso anno a Pavia, mentre il braccialetto con inciso "del mio cuor tu sei la regina" è stato il regalo di Natale più bello mai ricevuto, soprattutto perché si trattava di una sorpresa. 

I due braccialetti che porto al polso destro portano entrambi ricordi felici; il primo mi ricorda di quando ho incontrato per la prima volta il mio migliore amico e il secondo rosso con le perline di legno è un regalo di un signore nepalese da cui avevo acquistato una specie di stendardo con le frasi del Dalai Lama da appendere in camera lo scorso dicembre; non so descrivervi a parole l'onestà, la gentilezza e la bontà di questa persona, con cui ho trascorso solo pochi minuti ma che mi ha lasciato così tanto di positivo e di buono. 

I due anellini hanno anche loro una storia particolare; quello rosino di perline è stato fatto dalla mia mamma quando era bambina, mentre quello con scritto "courage" proviene da Brandy e Melville, dal cestone degli accessori a un euro in cui ero andata a rovistare qualche giorno dopo la fine della mia maturità: uno dei periodi più difficili della mia vita (non solo a causa dell'esame, come tutti noi anche io avevo altri fattori di stress che hanno contribuito a rendere tutto ancora più impegnativo) ma che sono riuscita ad affrontare nonostante tutto e questo anellino è allo stesso tempo testimonianza, ricompensa e motivo di forza e orgoglio.

Le collane dorate che indosso sono per me simbolo di vita, di ricerca, di equilibrio e di armonia. La sezione aurea e la sequenza di Fibonacci, che si ritrovano nelle situazioni concrete più diverse del reale, che ci dicono che il mio orecchio, le scaglie dell'ananas e tanti fiori e conchiglie e mille meraviglie della natura sono scomponibili seguendo gli stessi rapporti numerici, sono per me la parte più bella e affascinante e magica della matematica.
L'ankh, invece, è un antico simbolo sacro egizio che essenzialmente simboleggia la vita. Ci sono tante teorie dietro l'origine di questo simbolo, per cui vi riporto semplicemente quelle che prediligo.
L'ankh può essere interpretato come simbolo dell'unione dei due principi cosmici e quindi indicare anche l'unione mistica tra il cielo e la terra, ovvero il contatto tra il mondo divino e il mondo umano, nonché l'unione dei due principi intesa come generatrice dell'esistenza. E', in questo senso, definibile come chiave della vita, non solo per la forma stessa del simbolo ma anche per il suo significato escatologico: l'ankh è anche infatti vita eterna, grazie alla quale l'uomo riesce a superare la morte, per giungere alla rinascita. In quanto simbolo della vita e dell'immortalità, il suo significato è estensibile a quello di simbolo dell'universo, dato che il cosmo è pura vita, pura esistenza ed eterno alternarsi di cicli regolatori, oltre che costantemente generato dall'alternarsi di principi in eterna opposizione. 
Indossare queste collane mi fa sentire infinita e allo stesso tempo infinitamente grande e infinitamente piccola e così parte del grande tutto che mi circonda. Mi sembra di sprigionare vita, ed è per questo che non me ne separo mai. 


Ultima ma non meno importante la mia collana preferita, la prima botticina che ho realizzato e che ha dato vita al mio negozio The Storyteller Shop. Il cordino di pelle a cui è attaccata e la manina di fatima vengono dal mio viaggio nel deserto, e più precisamente da una bottega di Douz. Questa collana racchiude la mia storia tra idee, progetti, il mio amore per i viaggi, per i fiori e la botanica e tanta curiosità e voglia di sperimentare. (Potete leggere di più su questo mio progetto e vedere il mio negozio online qui: http://www.etsy.com/it/shop/TheStorytellerShop).


Cosa dire...Non so se sono riuscita a trasmettervi qualcosa di me, ma spero che questi piccoli aneddoti dietro ogni dettaglio vi siano piaciuti, se così fosse fatemelo sapere nei commenti, su instagram o attraverso l'iscrizione al mio blog (tutte le istruzioni sono alla sezione subscribe: ci vuole meno di un minuto); raccontarmi così mi piace e potrei pensare di iniziare una serie di post di questo genere, università permettendo, per cui sono molto curiosa di sentire le vostre opinioni in merito!

Grazie per il supporto che non mi fate mai mancare!

Eli




4 commenti:

  1. Davvero davvero stupendo tutto questo! È incredibile quanto ci sia dietro un tuo "semplice outfit". Mi stupisci e affascini sempre ������

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo tenera Bruna!! Un bacione grande grazie mille davvero!! :*

      Elimina
  2. ... e ci sono persone che reputano la moda qualcosa di frivolo! Che bellezza tu, e che bellezza questo post - leggero e profondo nello stesso tempo ♥

    RispondiElimina